Le porte blindate attuali non vengono più realizzate con rivestimenti standardizzati come si usava fare negli anni scorsi. Oggi, chi vuole farsi installare una porta blindata può divertirsi a scegliere i numerosi pannelli di rivestimento che la ditta installatrice propone e che si adeguano a mille soluzioni abitative.

 

Scegliere il rivestimento per la porta blindata

Tuttavia, è consigliabile domandare all’esperto quali siano i migliori rivestimenti, al fine di acquistare un prodotto durevole nel tempo e senza il rischio di incorrere in problemi successivi legati, per esempio, alle condizioni meteorologiche avverse. Anche i pannelli di rivestimento, infatti, devono possedere delle caratteristiche idonee che li rendano adatti a sopportare vento, pioggia, umidità o irraggiamento solare. Se non ci sono i requisiti adatti, dopo breve tempo si verificheranno inconvenienti come la scoloritura della porta o lo scollamento del pannello dal resto della struttura.

 

Quale rivestimento scegliere per la porta blindata

I rivestimenti per porte blindate non sono tutti uguali e bisogna scegliere quello adatto al contesto in cui la porta verrà posizionata. I consigli di una persona competente sono fondamentali perché le porte di sicurezza non vengono posizionate solo all’esterno come nel caso di ville o soluzioni indipendenti, ma anche nei condomini e sui pianerottoli di scale interne. Nel secondo caso, i manufatti non sono soggetti ad intemperie e risultano abbastanza riparati dai raggi del sole. Quando la porta blindata è eccessivamente esposta agli agenti climatici avversi, conviene provvedere ad un rivestimento pantografato o liscio che non rischia di rovinarsi anche se i raggi del sole sono molto intensi. Molto valido è anche il compensato marino che si adatta particolarmente, alle zone con clima salmastro. Per le porte blindate situate nei condomini, l’ideale è il legno del tipo intelaiato, a meno che la porta non si trovi in prossimità di un lucernario o di un’apertura finestrata sul soffitto ed è esposta ad un frequente irraggiamento solare.

 

La manutenzione delle porte

Più il rivestimento della porta blindata è delicato e più occorre provvedere alla sua manutenzione. La manutenzione ordinaria si dovrebbe effettuare con cadenza annuale per consentire ai rivestimenti di tornare allo stato originario. Nel caso si preferisca non attuare nessun tipo di protezione, si può richiedere un pannello di rivestimento in alluminio finestrato o acciaio inox. Questi due materiali sopportano benissimo qualsiasi agente avverso e sono ottimali anche nelle zone montane dove gli sbalzi di temperatura sono notevoli o nelle zone marine dove l’aria è ricca di salsedine. L’importante è rivolgersi ad un’azienda che possa dare le dovute informazioni e che si serva di un esperto che consigli quale siano i pannelli di rivestimento della porta blindata che si adattino ad ogni singolo contesto abitativo.