Un ottimo sistema contro l’intrusione di estranei è la porta blindata. Resistente, robusta e dal telaio solido, è la soluzione adottata da molte persone per proteggere le abitazioni dai furti. Per l’acquisto di un modello idoneo alle proprie esigenze è bene valutare 5 fattori.

 

La presenza della certificazione CE

Le porte blindate devono conformarsi ad alcuni criteri delineati dalla legge nazionale e da alcune normative europee. La certificazione prevede il superamento di alcuni test che definiscono la resistenza alle sollecitazioni esterne subite da cilindri e telai. Nello specifico le direttive di riferimento sono la Uni En 1303:05 e la Uni Env 1627 per la robustezza e la durata agli attacchi, ma la mancanza di una certificazione non comporta inidoneità della porta blindata se quest’ultima ha comunque superato i test di resistenza.

 

La classe di appartenenza

Ogni prodotto presente sul mercato è riconducibile ad una classe di resistenza che definisce la solidità della porta blindata. Le classi sono 6 ed in ciascuna di esse sono incluse tipologie di porte indicate per specifiche strutture. Alla prima classe appartengono sistemi poco funzionali, adatti a piccoli depositi con oggetti di scarso valore, mentre quelle indicate per appartamenti o ville sono riconducibili fra la seconda e la quarta classe. L’ultima è riservata ai negozi ed agli studi professionali.

 

L’isolamento termico ed acustico

Ogni porta è costruita soprattutto per essere fonoisolante e fonoassorbente, al fine di garantire la privacy di chi vive in un ambiente. Anche il fattore termico è fondamentale, perché una porta blindata deve impedire la dispersione termica fra area interna ed esterna, mantenendo l’abitazione calda o fresca in base alle stagioni. L’isolamento acustico si misura in dB: maggiore è il valore, migliore è l’assorbenza dei suoni a differenza dell’isolamento termico definito in U i cui valori prossimi allo zero indicano una minore capacità di dispersione.

 

L’installazione della porta blindata

Ogni sistema è dotato di un telaio montato nel varco che definisce l’uscio di una struttura. Dall’installazione di quest’ultimo dipende l’efficacia della porta blindata che, oltre ad essere difficile da scassare può garantire elevate prestazioni soprattutto contro le intemperie. Qualora il montaggio sia eseguito alla perfezione acqua, aria e vento non filtreranno negli ambienti interni, che rimarranno protetti e sicuri. Ulteriore riguardo va al controtelaio, alle guaine e al cilindro.

 

La tipologia di cilindro

Ultimo elemento è legato alla tipologia di serratura, scelta fra numerose varianti che consentono di aumentare le prestazioni della porta blindata. Gli esperti sconsigliano l’uso di serrature a doppia mappa, propendendo per l’innovativo cilindro europeo. Quest’ultimo, oltre ad essere facilmente sostituibile, si conforma alle normative europee in materia di sicurezza.